null
di Anna Castoldi

Brayda, tre gol in sette giorni per far risplendere la perla di biancazzurro.

LE NOSTRE INIZIATIVE 08 mar 2022
Veronique Brayda (Brescia) Veronique Brayda (Brescia)

In otto giorni tre gol. E che gol! Tutti decisivi. Con le zampate della Leonessa Veronique Brayda, candidata alla Perla del Calcio, il Brescia è balzato al comando della classifica di Serie B. Scalzando il Como dal ruolo di regina e portando ora a +5 il proprio margine sulle lariane. Capitan Brayda si è presa il centro della scena: contro il Cittadella ha deciso la partita negli ultimi minuti, con un tiro preciso su cross di Hjohlman. Lo show è continuato contro il Como, mercoledì scorso, nello scontro al vertice: una partita giocata sul filo del rasoio e sbloccata grazie a un eurogol dalla fascia destra. Verso la fine il Como ha pareggiato e ci sono volute la classe e la freddezza del nuovo acquisto del Brescia, l’attaccante Maddalena Porcarelli, per riprendersi il vantaggio e vincere 2-1. Ma senza la prodezza di Brayda le biancazzurre non avrebbero scavalcato l'ex-capolista. 

L’ultima perla domenica. Un capolavoro. Nella tesissima partita contro il Chievo, Brayda ha segnato direttamente su punizione, un minuto dopo aver costruito una ghiotta chance. Tre partite, altrettanti centri e 9 punti che proiettano il Brescia a un’altezza vertiginosa. Brayda è sempre stata un punto di riferimento per le Leonesse: classe ’95, dopo aver tirato i primi calci nella Nossese è stata notata dal Brescia ed è entrata nella Primavera. Presto è stata convocata nella prima squadra, giocando in Serie A tra il 2010 e il 2013; poi ha fatto esperienza nel Mozzanica, nel Franciacorta e nel Cortefranca prima di essere richiamata dalle biancazzurre nel 2018, quando il Brescia, conclusa l’avventura in A, ripartiva dall’Eccellenza. Da lì sono stati anni di successi, una promozione dopo l’altra: in C Brayda è diventata capitano, ruolo mantenuto anche nella categoria superiore.

E chissà che, dopo Cristiana Girelli, Martina Rosucci, Daniela Sabatino e Chiara Massussi, Brayda non diventi la quinta Perla biancazzurra di Bresciaoggi, dopo i trionfi di Claudia Brambilla (Lumezzane) e di Elena Gervasi (Cortefranca).