null
di Michele Laffranchi

Il nobilissimo record del Breno: tre palloni d'oro nell'organico.

IL PROTAGONISTA 09 mar 2022
Da sinistra Mattia Mauri, Francesco Zanardini e Alessandro Triglia, i tre Palloni d'Oro del Breno Da sinistra Mattia Mauri, Francesco Zanardini e Alessandro Triglia, i tre Palloni d'Oro del Breno

C'è una società che può vantare tre Palloni d'Oro: è il Breno, protagonista del girone B di Serie D. Uno è Mattia Mauri, attaccante di vaglia, già 13 reti nel campionato in corso e detentore del Pallone d'0ro, vinto nel 2020 quando giocava nel Desenzano Calvina. L'altro è il suo compagno di reparto Alessandro Triglia, che trionfò l'anno precedente. Il terzo è il responsabile scouting Francesco Zanardini, vincitore nel 2017 ai tempi in cui iocava nel Darfo Boario.

Mauri, come detto, è il detentore del Pallone d'Oro di Bresciaoggi, riservato ai giocatori che giocano in Serie D e in  Eccellenza. Nel 2020/21 nessuno ha preso materialmente il suo posto, perché i canoni sono stati rivoluzionati: si sono premiati il giovane più promettente (Mattia Zugno del Lumezzane) e il campione del passato (Tony Scotti). E così, mentre la caccia ai tagliandi è ripartita da pochi giorni, l’ultimo degli aurei è ancora Mauri, ovviamente di nuovo in nomination insieme a parecchi compagni del Breno: Brancato, Melchiori, Mondini, Tagliani, oltre a Triglia.