null
di Michele Laffranchi

Bronzo, Danieli in pole sulla strada della gloria «Spero di confermarmi»

LE NOSTRE INIZIATIVE 24 giu 2022
Paolo Danieli in azione con la maglia del Calcinato: la bandiera rossoblù ha raccolto oltre 249 mila voti e guida la generale del Pallone di BronzoPaolo Danieli scatta dalla prima posizione dopo il voto dei lettori di Bresciaoggi: ora la palla passa alla giuria tecnica Paolo Danieli in azione con la maglia del Calcinato: la bandiera rossoblù ha raccolto oltre 249 mila voti e guida la generale del Pallone di BronzoPaolo Danieli scatta dalla prima posizione dopo il voto dei lettori di Bresciaoggi: ora la palla passa alla giuria tecnica

Un sogno iniziato per gioco e, passo dopo passo, divenuto obiettivo sempre più tangibile: Paolo Danieli, a qualche giorno dalla serata finale del Coco Beach del prossimo martedì e in attesa di conoscere i voti della giuria tecnica, sta comodo sul trono del Pallone di Bronzo. I lettori di Bresciaoggi non hanno avuto dubbi e l’hanno incoronato con 249 mila preferenze (trasformate in 249 punti di partenza): Fausto Ungaro insegue a 189, Claudio Dotti completa il podio a 142.

La giuria di qualità deve ancora esprimersi, ma comprensibilmente Danieli comincia a farci più d’un pensierino: «Chiaramente già adesso è bello e fa piacere, speriamo nella soddisfazione finale - sorride il capitano del Calcinato -: all’inizio non me l’aspettavo. Hanno cominciato i miei amici a raccogliere i tagliandi, a partire da quelli da 1: poi, via via che l’iniziativa proseguiva, i voti hanno iniziato a essere davvero tantissimi». Chiudere sollevando al cielo di Lonato del Garda il Pallone di Bronzo sarebbe anche maniera di esorcizzare una stagione chiusa con rammarico: il Calcinato è stato eliminato dal Real Castenedolo nella finale play-off del girone G di Seconda, mentre lo strepitoso percorso in Coppa Lombardia si è interrotto solo in semifinale con i milanesi dell’Orione ai rigori. Una doppia beffa, sul filo di lana, non semplice da digerire: «Siamo arrivati a un passo dalla gioia in entrambe le competizioni, ma alla fine in nessuna delle due è giunta la vittoria - riflette Danieli con un velo d’amarezza -: peccato, la Coppa Lombardia era fattibile. Anche perché abbiamo eliminato corazzate come l’Orsa Iseo e l’Union Team nel corso della manifestazione, fermandoci forse contro un avversario alla nostra portata. In campionato è stata invece una bella lotta con Pavonese Cigolese, Real Castenedolo e Sirmione: non avevamo l’obbligo di vincere da parte della società, ma la speranza c’era». Danieli e il Calcinato ci riproveranno l’anno prossimo: «Senza dubbio, io resto qui - rassicura l’ambiente il centrocampista offensivo classe ‘90 -: ho fatto una promessa ad alcuni dirigenti storici e ho intenzione di mantenerla. Vorremmo riportare Calcinato a categorie più adeguate, fra la Prima e la Promozione: paese, società e strutture meritano altre vetrine. In passato le abbiamo già assaporate, vogliamo tornare a viverle».

Quali sono gli avversari che Danieli teme di più nell’ottica del Pallone di Bronzo? «Quello che conosco meglio è senza dubbio Emanuele Papa - risponde la bandiera del Calcinato -: giochiamo spesso assieme nei tornei notturni. E, a proposito di tornei, l’altra sera a Porzano ho conosciuto Francesco Bindoni: vedendo il suo nome in distinta, mi è immediatamente venuto in mente che è in lizza insieme a me. Fausto Ungaro non lo conosco personalmente, anche se ci ho giocato contro in Prima quando era a Gussago. Dovessi sceglierne uno, direi Matteo Contratti: grande stagione la sua col Castelmella». Basteranno i 60 punti di vantaggio in partenza per battere Ungaro e gli altri avversari? Il rebus bronzeo sarà risolto martedì sera sul palco del Coco Beach.

© RIPRODUZIONE RISERVATA