null
di Michele Laffranchi

Bonometti, mani sicure per bloccare l’Argento «Dedicato a Corrado»

LE NOSTRE INIZIATIVE 23 giu 2022
Un'uscita sicura di Matteo Bonometti: il portiere della Nuova San Paolo scatterà dalla pole-position nel Pallone d'Argento grazie al voto dei lettori Un'uscita sicura di Matteo Bonometti: il portiere della Nuova San Paolo scatterà dalla pole-position nel Pallone d'Argento grazie al voto dei lettori

Un primo posto, al momento, con dedica speciale: Matteo Bonometti guarda tutti dall’alto in basso nella classifica del Pallone d’Argento al termine della fase dedicata alle votazioni dei lettori. Ora la palla passa alla giuria tecnica, che potrebbe modificare ogni verdetto, al portiere della Nuova San Paolo però nessuno può togliere il primato del pubblico: 164 punti (frutto di oltre 164 mila preferenze raccolte) lo incoronano beniamino dei lettori. E gli permettono di fare una dedica toccante a una persona venuta a mancare troppo presto: «Nei giorni scorsi è scomparso Corrado Fada, storico dirigente della mia squadra, la Nuova San Paolo - ricorda commosso Bonometti -: questo risultato lo voglio dedicare innanzitutto a lui. Oltre che alla mia famiglia, che mi supporta costantemente, agli amici e ai miei compagni».

Una vita dedicata alla protezione dei tre legni per il portiere classe ‘98 e, allo stesso tempo, all’insegnamento della disciplina a nuovi, aspiranti numeri uno: Bonometti si occupa dell’allenamento dei portieri al Rezzato e da parecchio collabora con «Crescere portieri», scuola calcio votata alla cura del ruolo in ogni piccolo dettaglio. Bambini e famiglie l’hanno aiutato, a suon di voti, a entrare nella top 12 dell’iniziativa dalla porta principale: «Quest’anno è stato ricco di soddisfazioni - prosegue Bonometti -: con la Nuova San Paolo abbiamo chiuso quarti, rivelandoci la sorpresa della stagione. E anche a Rezzato sto facendo un bel percorso, sia come allenatore che come uomo in società: rivedo questi successi nei tanti voti ricevuti, evidentemente la gente sta apprezzando quello che faccio e l’impegno che metto sempre in campo». Bonometti comanda la classifica parziale con 164 punti: alle sue spalle due attaccanti, Federico Bontempi (124, Chiari) e Francesco Ravazzolo (112, Unitas Coccaglio. Un discreto margine di vantaggio, ma la giuria tecnica selezionata deve ancora esprimersi: potesse votare un rivale, chi sceglierebbe Bonometti? «Un bel giochetto - sorride il numero uno della Nuova San Paolo -: Bontempi e Nicola Rolfi li conosco bene, sono due ottimi attaccanti e ho già avuto modo di giocarci assieme. Dovessi sceglierne uno, però direi Francesco Scalvini del Cellatica: quest’anno ci ho giocato contro in campionato e mi ha impressionato davvero molto».

A breve termine l’obiettivo è quello di chiudere al meglio una stagione comunque ottima al vertice del Pallone d’Argento; qual è invece il desiderio di Bonometti per il prossimo futuro? «In passato ho già avuto modo di giocare in Serie D e vivere un po’ di professionismo a Lumezzane all’epoca della C: a questo punto della carriera l’obiettivo è continuare a crescere e migliorare. La categoria è relativa: quest’anno alla Nuova San Paolo le ambizioni potevano essere inizialmente in sordina, eppure siamo riusciti a fare una grande stagione. Serve una società sana, che ti permetta di lavorare bene, come mi è successo nel campionato appena finito». Una stagione splendida, che attende solo la ciliegina: se sarà di colore argentato, Matteo Bonometti lo scoprirà martedì prossimo sul palco del Coco Beach di Lonato del Garda. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA