null
di Michele Laffranchi

Palloni, quando la sfida è... in famiglia

LE NOSTRE INIZIATIVE 01 apr 2022
La trilogia dei Palloni di Bresciaoggi brilla insieme alla Perla del Calcio: lunedì 4 aprile arriveranno i primi bonus per i giocatori più votati e i tagli La trilogia dei Palloni di Bresciaoggi brilla insieme alla Perla del Calcio: lunedì 4 aprile arriveranno i primi bonus per i giocatori più votati e i tagli

Pallone d’Oro, lotta fratricida o ghiotta occasione di portare in alto lo stesso cognome? Nell’edizione corrente della Trilogia dei Palloni di Bresciaoggi non mancano le candidature in famiglia: sono infatti ben cinque le coppie di fratelli in corsa per raggiungere il premio più ambito della provincia calcistica. In un paio di casi la nomination è comune per squadra, categoria e premio: si pensi a Erdit e Julian Duda, entrambi in forza all’Orceana e candidati per il Pallone d’Oro. Centrocampista il maggiore (classe ‘97), fantasista il minore (‘00): se il premio dorato li vede uno contro l'altro a caccia del medesimo obiettivo, in campo per il club d’Orzinuovi sono complementari e indispensabili per svariati motivi. Erdit è giocatore che abbina corsa e recupero palla agli inserimenti senza sfera, mentre Julian è la scheggia impazzita deputata a spaccare le partite sgusciando tra le linee. La corsa alla salvezza degli orceani passa dalle loro giocate; e da quelle di Samuele Vitari (‘97): anche il numero 10 dei bassaioli non è l’unico rappresentante di famiglia in corsa nella Trilogia, ma a differenza dei fratelli Duda l’altro Vitari non concorre nel Pallone d’Oro. Alessio (il maggiore, di un anno e mezzo più grande rispetto a Samuele) è portacolori del Real Rovato Franciacorta in Seconda ed è inserito nella lotta al premio bronzeo: diversi anche i raggi d’azione dei due, visto che Alessio giostra al centro del campo mentre Samuele è il trascinatore offensivo dell’Orceana, capace di realizzare già dieci gol nel tosto girone C d’Eccellenza. Non troppo distante da Orzinuovi c’è un’altra coppia di fratelli che condivide ambizioni e candidatura al Pallone di Bronzo: si tratta di Michele e Nicola Guarneri, rispettivamente classe ‘87 e 92’, fari della mediana del Verolavecchia in Seconda. Nicola, il più giovane dei fratelli Guarneri, non è tra l’altro nuovo a performance di spicco nel Pallone di Bronzo: già nel 2018/19, stagione del trionfo di Fabio Bacchiocchi, riuscì ad arrivare tra i 12 finalisti e a chiudere al settimo posto nella graduatoria bronzea. Riuscirà a ripetersi o sarà il fratello più grande Michele, per giunta capitano del Verolavecchia, a trovare gloria nel premio di Bresciaoggi? La passione per il calcio è intrisa nel dna di tutta la famiglia Scidone: alla Voluntas Montichiari gioca Francesco (‘98), capocannoniere finora del girone D di Promozione e serio candidato alla palma d’Argento, mentre nel Ciliverghe si sta ritagliando spazio il fratello minore Mariano (‘02), una delle papabili rivelazioni nella lotta al premio dorato. Entrambi giocano in attacco e all’appello tra le nomination manca soltanto il fratello di mezzo Gabriele (‘00), pure lui a Montichiari: nei prossimi anni non è da escludere la possibilità di trovarli tutti e tre in corsa assieme nella Trilogia. Assi offensivi sono pure Matteo (‘96) e Francesco (‘99) Contratti: il primo milita nel Castelmella e ambisce al Pallone di Bronzo; il secondo è invece stella dello scintillante attacco del Rezzato Dor e, dopo il terzo posto del 2018/19, proverà a scalare due posizioni nella corsa al Pallone d’Argento. A volte, il gol e il calcio sono marchiati nel sangue: mai come quest’anno c’è la possibilità di vedere due fratelli fare strada parallela nella Trilogia. Quale coppia arriverà più in alto? •. © RIPRODUZIONE RISERVATA