null
di Alessandro Maffessoli

Palloni, Perla e Scarpa d’Oro La galassia dilettanti in festa

L’EVENTO 20 lug 2022
Filippo Guerini, Carmine Marrazzo e Andrea Caracciolo: il super podio del Pallone d’Oro ONLY CREW/FILIPPO  VENEZIAEugenio Bianchini, presidente dei direttori sportivi bresciani ONLY CREW Filippo Guerini, Carmine Marrazzo e Andrea Caracciolo: il super podio del Pallone d’Oro ONLY CREW/FILIPPO VENEZIAEugenio Bianchini, presidente dei direttori sportivi bresciani ONLY CREW

I premi più ambiti al termine della stagione più attesa. Dalla definitiva ripartenza alla consacrazione, scandita a ritmo di gol, giocate e titoli vinti. Sul palco del Coco Beach di Lonato del Garda sono saliti tutti i migliori protagonisti della stagione 2021/22. Pallone d'Oro, d'Argento e di Bronzo, ma anche Perla del Calcio, Scarpa d'Oro e «Premio Livio Scaramella». Senza tralasciare i doverosi riconoscimenti verso le società vincenti e promosse, realtà che hanno reso orgoglioso il movimento bresciano a prescindere dalla disciplina.

Le luci dei riflettori erano doverosamente sul poker luccicante di Bresciaoggi. E allora, signore e signori, ecco a voi i magnifici quattro: Carmine Marrazzo, leader dell'Atletico Castegnato e neo Pallone d'Oro, Fabio Miglio, vincitore della Promozione con l'Ospitaletto e fresco Pallone d'Argento, l'intramontabile Faustino Ungaro, icona di un calcio dilettantistico vissuto con amore e passione, protagonista con il Casaglio e vincitore del Pallone di Bronzo, e Camilla Ronca, Perla del Calcio determinante nella vittoria della Coppa regionale di Eccellenza con il Lumezzane femminile. Un'incoronazione avvenuta al cospetto di altri grandi interpreti e campioni, a loro volta meritevoli al termine di una stagione disputata ad altissimo livello. Tra i bomber è stato Matteo Contratti del Castelmella a mettere la freccia e superare la concorrenza grazie ai 33 gol segnati, mentre il «Premio Livio Scaramella» è stato assegnato dall'Associazione Direttori Sportivi Bresciani - sempre in prima linea al fianco di Bresciaoggi per l'organizzazione del Pallone d'Oro, dei suoi «fratellini» e della Perla del Calcio - a Ennio Beccalossi, figura molto legata all'indimenticato diesse e protagonista del recente salto in Eccellenza compiuto dall'Ospitaletto.

Prima i lettori, poi la giuria tecnica: nella trilogia maschile di Palloni e nella Perla del calcio «les joues sont fait, rien ne va plus». «Un'edizione straordinaria vissuta intensamente con grande partecipazione - sottolinea con soddisfazione Alberto Bollis, vice direttore di Bresciaoggi, direttamente dal Coco Beach di Lonato del Garda -. Tutti questi ragazzi ci hanno dimostrato come con la passione si possano raggiungere grandi risultati. Sul campo e fuori. Ed è stato bello aver respirato un'aria di normalità dopo due anni che ha visto l'intero movimento sportivo, bresciano e non solo, in grave difficoltà. Vogliamo che questi premi diano ulteriore impulso per continuare a crescere».

Tanto nei risultati da raggiungere quando nella qualità espressa. Il Pallone d'Oro si conferma l'indiscusso re dei riconoscimenti a livello dilettantistico bresciano. Una garanzia da inserire con orgoglio nella propria bacheca e l’ambizione di un movimento provinciale che può sognare a qualsiasi latitudine.•. © RIPRODUZIONE RISERVATA